Morirete tutti

bellarenzi

Anche se ho detto a tutti di votare al referendum, allungo una benevola pacca sulla spalla di quelli che non hanno votato. Oggi infatti erano il trend #coglionedelgiorno su Facebook. I diritti, i doveri, la democrazia…

Vorrei ricordare alcuni referendum del passato:

1987. Abrogata la norma che limita la responsabilità dei magistrati. Nel 1988 la responsabilità viene limitata ai soli casi di dolo o colpa grave.

1993. Abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, che viene allegramente trasformato in rimborso elettorale ai partiti dopo mezz’ora. Sì, nel 1993, non vent’anni dopo. Grazie per aver partecipato esprimendo il vostro parere con questo strumento democratico!

1993. Il 70,1% dei cittadini vuole eliminare il Ministero dell’Agricoltura. Detto fatto! A dicembre dello stesso anno è stato istituito il Ministero delle Risorse agricole, alimentari e forestali. Le competenze? Le stesse del Ministero dell’Agricoltura. Tipo quando l’Uomo Ragno aveva il costume nero invece che rosso e blu.

1995. Referendum per privatizzare la RAI e toglierla dal controllo parlamentare. 54,9% dei sì e indovinate un po’? Bravi, avete indovinato.

2011. Referendum per l’acqua pubblica. Che poi riguarderebbe tutti i servizi pubblici locali. Questo nasceva già bene. Se vince il no fottetevi tutti e se vince il sì occorre emanare una nuova norma che tenga conto dell’Europa (che vuole il privato) o rispolverare l’articolo 113 del testo unico degli enti locali, che consente la collaborazione tra il pubblico e il privato. E infatti l’acqua del sindaco non è sempre sua.

E ci sarebbe altro da ricordare, tipo dire no al nucleare nel 2011 dopo averlo detto nel 1987, le competenze sul controllo ambientale tolte alle USL e di fatto rimaste a loro, il referendum del 95 sulle trattenute sindacali per il quale Camera e Senato non hanno mai emanato alcuna legge e nessuna legge per quello delle nomine bancarie del 93… ma sono di corsa perché sto facendo le valigie.

Quindi siate buoni con gli scoglionati. Magari sono i soliti ignoranti che non vogliono esercitare il loro diritto/dovere e dare un duro colpo a quei politici che rubano e fanno affari da sempre. Magari hanno solo capito che i politici rubano e fanno affari da sempre.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *