Nuclear Assault

Spreco un paio di parole in occasione dell’accordo tra il nostro popolo di navigatori e quello di gente che si tiene il pane sotto le ascelle dopo averlo comprato, probabilmente per tenerlo in caldo. Le spreco più che altro perché ho ricevuto svariate informazioni circa la mia inettitudine.

Come se non bastassero le mail per il pene (indurirlo, allungarlo, cavalcarla come un cowboy), quelle degli analfabeti che fanno phishing e gli inviti veri e falsi di facebook, dopo aver scritto il post sul nucleare ho infatti iniziato a ricevere alcune mail di gente che abita ad anni luce dalla figa.

Lontani dagli interessi salubri di qualunque maschio che si rispetti (fellatio, xbox e playstation, film di gente che si mena e si spara e sky sport), questi individui si sono presi la briga e il gusto di scrivere alla mia modesta persona per illustrarmi i benefici del nucleare, per spiegarmi che sono vecchio, comunista e, in un caso, anche coglione.

Una risposta globale per tutti. Non so come abbiate fatto a sapere che io e il presidente del consiglio ci sentiamo via icq, ma niente paura: discutiamo principalmente delle chiappe di questa o quella letterina. Non mi ha mai chiesto un parere sulle politiche energetiche, quindi non influisco sui piani del governo e convincermi non modificherà le sorti della nazione.

Se invece scrivete mail per il gusto di farmi cambiare idea, desistete. Cambio idea soltanto se nessuno me lo chiede.

E ancora: non ho un blog fatto per cambiare il mondo a colpi di banner 120×60 pixel di indignazione. Banalmente, scrivo i cazzi miei, tra una sessione e l’altra di Adult Friend Finder.

Quanto allo specifico: sono e resto contrario al nucleare. Trovo ridicolo sbattere al cesso miliardi per una tecnologia obsoleta e sporca e quando mi scrivete queste mail senza uno straccio di parere tecnico o scientifico mi cascano le balle. Chi si fa bello parlando di centreali nucleari di terza generazione dovrebbe andare a chiedere ai finlandesi. Sono gli unici europei che ne stanno costruendo una, è in ritardo di anni e gli sta costando circa tre volte quello che avevano previsto.

Senza contare che siamo a corto di energia subito e facciamo piani per avere dal nucleare il 10% dell’energia che ci serve più o meno nel 2030 (ma studi ottimistici, va detto, dicono il 20%). Un ottimo piano d’emergenza. E’ come restare senz’acqua e piantare un cactus in cortile perché fra quindici anni potremmo estrarre del liquido potabile.

Ma non è finita. L’uranio, che non è rinnovabile, secondo l’Agenzia per l’energia nucleare basterà per poco meno di una sessantina d’anni. E adesso le centrali in funzione nel mondo sono meno di 450. Aumentiamole, e l’uranio diminuirà più in fretta, aumentando il suo costo. Altro petrolio insomma, se possibile anche più lercio.

Il nucleare produce annualmente più o meno il 6% dell’energia e il 17% dell’elettricità globale. Poco più dell’energia prodotta nello stesso tempo da Rocco Siffredi stantuffando bionde viennesi e molto meno dell’idroelettrico. Però è economico, direte voi. Infatti, al punto che l’associazione Climate Progress (favorevole al nucleare) ha spiegato che l’energia nucleare è troppo cara. Perché non vi scaricate il Business Risks and Costs of New Nuclear Power e ve lo leggete? Dico, se sono contrari al nucleare persino quelli favorevoli al nucleare, la cosa puzza più della vittoria di Marco Carta a Sanremo.

Qualcuno mi scrive: “Le abbiamo in Francia… perché non qui?”. Il discorso non fa una piega. Il fatto che il nostro culo sia in mano a gente che allunga il Rodano con l’uranio non mi sembra un buon motivo per raddoppiare il rischio. E questa è la Francia. E se ve lo state chiedendo: sì, è la stessa Francia che deve comprare energia elettrica dalla Germania (che è uscita dal nucleare per passare a eolico e solare).

La Germania, infatti, ha scelto la strada delle energie rinnovabili, così come la Spagna, e sono diventate leader nel settore, dando da lavorare a 250mila persone, risolvendo un po’ dei loro problemi immediati e sicuramente molti di quelli futuri.

A farmi compagnia in questi pensieri da vecchio e tetro comunista ci sono, per fortuna, scienziati e premi Nobel. Migliaia di scienziati che firmano petizioni contro il nucleare e altri, come Rubbia, che spiegano tranquillamente che “(…) i miglioramenti sono marginali, non vanno ad intaccare il cuore del problema. I punti critici riguardano le scorie, l’approvvigionamento dell’uranio, l’efficienza delle macchine, la proliferazione nucleare…”.

Tra gli esperti a favore del nucleare, invece, troviamo Berlusconi, Scajola, Piero Angela, Umberto Veronesi (attaccato dallo stesso Rubbia), Sbirulino e Matt Murdok (quest’ultimo, però, giustificato dal fatto che le scorie radiottive lo hanno trasformato in Devil).

Ciò detto, liberi di pensare il contrario, liberi di commentare come cazzo vi pare, liberi di mandarmi le mail con la paternale. Continuerò a vivere serenamente la mia vita sessuale e non cercherò di passarvi un volantino quando uscite dall’Esselunga.

Per quanto mi riguarda potete anche credere che quelli di BangBus tirano su quel furgoncino da tossicomani delle ragazze qualunque e le convincano ad esternare la meretrice che c’è in loro, ma continuerò a pensare che si tratta di tizie che hanno cliccato sul link “$ Modeling Opportunities $“.

P.S. C’è anche l’update delle ore 17 circa.

Post Scriptum/Mortem

Per mettere a tacere i vari spaccagonadi quando mi alitano in faccia le menate del diritto alla vita, ho copiato pari pari da Daniele Luttazzi, che l’ha trovata, questa perla di catechismo scritta da un personaggio celebre e molto attivo nella diatriba viva la vita abbasso la morte. Da stampare e conservare in più copie, così appena uno inizia la tiritera, io gli passo il volantino e poi gli chiedo di spiegarmi l’incongruenza senza attorcigliarsi la lingua.

“L’interruzione di procedure mediche dolorose, pericolose, straordinarie o sproporzionate rispetto ai risultati ottenuti può essere legittima. Si rinuncia all’accanimento terapeutico. Non si vuole così procurare la morte: si accetta di non poterla impedire. Le decisioni spettano al paziente, se ne ha la competenza e la capacità, o altrimenti a coloro che ne hanno legalmente diritto, rispettando sempre la ragionevole volontà e gli interessi legittimi del paziente.”

Cardinal Joseph Ratzinger, catechismo della Chiesa cattolica, 1994, par. 2278.

The End

Che poi, alla fine di tutto, mi rimane solo una considerazione.

Sono riusciti a farmi essere contento per una morte, perché questa morte ha chiuso un capitolo vergognoso. Un capitolo nel quale gli amanti della vita e i tolleranti hanno dimostrato di passare sopra a tutti e a tutto, tentando di legiferare attorno al dolore, chiamando in causa il divino e immagini grottesche di ipotetiche maternità. E mi è parso così strano, quando il cuore di Eluana si è spento, ridere come se fosse una specie di patetica vittoria. Mi è sembrato assurdo, e mi spiace, eppure ho sorriso prima ancora di rattristarmi.

E ai saccenti che dalle loro chiese e dai loro palazzi chiedono al loro dio il perdono per chi ha fatto morire Eluana, suggerisco di volare bassi, perché magari, chissà, è stato proprio lui a decidere così.

Non ho capito una cosa

Che poi non ho capito, ma a tenere in vita Eluana è Dio o è la Scienza?

Perché se è la Scienza, allora io scendo in piazza a manifestare contro il sig. Englaro a patto che poi il Papa e Formigoni e Sacconi e Berlusconi e tutti gli altri oni parlino a favore della Scienza da oggi e per sempre, dalle staminali alla diagnosi preimpianto alla prevenzione anticoncezionale.

Se invece è Dio, le si leva il supporto scientifico a questa ragazza che la Chiesa e il Governo stanno stuprando da mesi e Dio dimostri che la sa tenere in vita da solo.